Il computer Quantistico è Una Realtà: Un Esperimento Senza Precedenti!

Google ha condotto un esperimento senza precedenti e si può dire a tutti gli effetti che il computer quantistico, atteso da decenni, è quasi una realtà.

Lo sviluppo di un innovativo computer quantistico è atteso da interi decenni, ma ad oggi possiamo dire che questo sogno è quasi diventato una realtà. L’esperimento davvero incredibile è stato condotto da Google tra la Germania e gli Stati Uniti e ha dimostrato qualcosa di davvero unico nel suo genere.

Il risultato incredibile di questo esperimento è stato pubblicato su “Nature” dal gruppo del fisico John Martinis, di Google e dell’Università di Santa Barbara in California. A questa ricerca hanno partecipato anche la Nasa, il California Institute of Technology, l’Università di Aachen e il Centro Julich. Si tratta di una novità tecnologica davvero molto attesa, che va decisamente oltre ogni aspettativa e oltre ogni progresso che sia mai stato fatto nel mondo nell’ambito dei computer quantistici. Cerchiamo di entrare più nel dettaglio per scoprire insieme tutti i dettagli sull’esperimento di Google sul nuovo computer quantistico sul quale è stato effettuato.

L’esperimento straordinario di Google con il computer quantistico

Google è stato in grado di fare qualcosa di così sensazionale da poter dire a gran voce che non esiste alcun precedente simile nel mondo della tecnologia. Sundar Pichai, il Ceo di Google, ha mostrato tutto il suo entusiasmo in un post sul blog ufficiale in cui ha celebrato la supremazia della sua azienda. L’esperimento che è stato condotto ha dato risultati davvero incredibili, molto difficili da spiegare, ma che potrebbero rivoluzionare completamente il mondo della tecnologia. Fino ad ora siamo stati abituati ad una serie di progressi che qualche tempo fa sembravano davvero impossibili da raggiungere, ma il computer quantistico è qualcosa che riesce ad andare oltre ogni immaginazione.

Durante l’esperimento il computer quantistico è riuscito a risolvere in soli tre minuti un’operazione che con un computer tradizionale sarebbe stata risolta in 10.000 anni. Questo è possibile perché i computer quantistici riescono a sfruttare le assurde proprietà del mondo degli atomi per aumentare le loro capacità di calcolo. Il risultato ottenuto conferma che questo metodo può avere un successo davvero unico.

Augusto Smerzi, dell’Istituto Nazionale di Ottica del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr-Ino), ha spiegato all’Ansa che si tratta di un passo davvero molto significativo verso quella che viene definita supremazia quantistica. Spiegando meglio di cosa si tratta Smerzi ha parlato della capacità di questi computer di svolgere un compito che ad un computer tradizionale richiederebbe un tempo davvero molto lungo. Questo tempo potrebbe addirittura andare oltre l’età conosciuta dell’universo. Proprio per questo si tratta di un progresso unico nel suo genere.

Gli autori dello studio hanno realizzato un programma molto simile ad un gioco matematico, che al momento non ha ancora applicazioni. Questo programma serve per dimostrare che una sequenza di numeri casuali è realmente casuale. Il computer quantistico di Google, che è stato chiamato Sycamore, ha risolto questo gioco in soli tre minuti, cosa assolutamente impossibile per un computer tradizionale, che potrebbe metterci addirittura 10.000 anni. Il merito di questo veloce calcolo è di un processore con 53 qubit, unità di informazione di base di questi computer assolutamente futuristici, che sfruttano le leggi della fisica e della meccanica quantistica per elaborare i dati.

I computer quantistici stanno per diventare una realtà

I computer quantistici non sono ancora a tutti gli effetti una realtà, ma lo stanno per diventare e il tempo di attesa sembra diminuire sempre di più. L’Europa ha deciso di lanciare questo meraviglioso e molto ambizioso programma sulle tecnologie quantistiche, che è stato finanziato con un miliardo di euro dalla Commissione Europea. Si tratta di un’iniziativa importante, che prevede almeno dieci anni di lavoro e che vede l’Italia al primo posto con il Cnr. Smerzi ha sottolineato che il risultato ha un’importanza davvero fondamentale in quanto dimostra per la prima volta che un macchinario quantistico può effettuare delle operazioni in tempi decisamente molto più brevi rispetto ai computer tradizionali che attualmente sono considerati i più potenti in commercio. Si parla di differenze tra i due tempi davvero molto significative e addirittura inquantificabili.

Computer quantistico: le polemiche

L’annuncio dell’esperimento di Google ha fatto nascere diverse polemiche riguardo l’esperimento effettuato da Google per lo sviluppo del suo computer quantistico così innovativo. La stessa rivista “Nature”, dove sono stati pubblicati i risultati dello studio, ha svelato che la Ibm non è particolarmente felice per questo traguardo, anzi sembra essere particolarmente contrariata. Ibm sta lavorando per commercializzare il proprio computer quantistico e ha dichiarato di non credere ai risultati raggiunti con questo esperimento, affermando che il problema risolto dal computer quantistico di Google potrebbe essere risolto dal suo computer tradizionale Summit in soli due giorni e mezzo e non in 10.000 anni come è stato dichiarato.

Commenta