10 fenomeni naturali che hanno dell’incredibile.

La natura, si sa, è meravigliosa, e capace di creare meraviglie alle quali, capita di non credere che esistano realmente. Come uno scienziato pazzo, anche la natura ogni tanto decide di sperimentare cose inusuali e stravaganti. Ecco quindi 10 meraviglie della natura, è difficile da credere, ma sono tutte reali.

1. Il sangue che cade in Antartide

L’antartide è uno dei luoghi più freddi al mondo. Blood Falls è un flusso d’acqua inusuale che scorre nell’antartide orientale. Queste rosse cascate furono scoperte nel 1911, quando un geologo notò che un fiume aveva macchiato la scogliera di ghiaccio con un colore rosso intenso. In precedenza si pensò che questo colore fosse dovuto alla presenza di alghe che coloravano l’acqua. Solo di recente questo mistero è stato finalmente risolto. La colorazione rossastra è dovuta all’ossidazione del ferro con l’acqua salata. Quando il ferro, presente in grosse quantità in queste acque, entra a contatto con l’ossigeno, si ossida assumendo la tipica colorazione rossastra. Esattamente come quando si arruginisce.

2. Alberi di eucalipto arcobaleno. Hawaii.

IL nome scientifico è: Eucalyptus Deglupta, più comunemente conosciuto come: Eucalipto Arcobaleno. Il perchè lo si evince osservando queste immagini. La corteccia multicolore di questo albero lo rende una vera e propria opera d’arte della natura. La causa di questa colorazione è presto spiegata. Durante l’anno l’eucalipto arcobaleno crea diversi strati di corteccia, in diversi periodi dell’anno. Questa corteccia inizialmente è di un colore verde brillante, con il passare del tempo il colore si scurisce passando tutte le tonalità, dal blu al viola, arancione, fino al marrone scuro. Diverse cortecce, con età diversa, danno quindi origine al tipico effetto arcobaleno.

3. The Wave. Arizona.

Eccovi un’altra prova del potenziale artistico di madre natura. The Wave si trova in Arizona, negli Stati Uniti. Si tratta di una splendida formazione di arenaria rossa, situata nella parte settentrionale dell’Arizona. L’effetto del vento, che non manca certo in questo posto, ha modellato il terreno, di natura molto friabile, dando vita ad una vera e propria opera d’arte. Le sue forme ondulate e colorate l’hanno resa famosa e meta di escursionisti, fotografi, videomaker e turisti. E’ giudicata uno dei migliori sentieri escursionistici al mondo, oltre che il miglior sito fotografico presente in natura. Da notare che, tutte le immagini che vedete, sono frutto degli eventi atmosferici.

4. Il mare scintillante di Vaadhoo. Maldive

Un vero e proprio mare di stelle. Così appare la riva del mare sull’isola di Vaadhoo, nell’arcipelago delle Maldive. Questa luce blu incandescente è opera di alcuni microbi marini, chiamati fitoplancton. L’isola di Vaadhoo è considerata un vero e proprio paradiso terrestre, non ha caso è stato dichiarato uno dei migliori posti dove trascorrere la luna di miele. Come si evince dalle immagini, l’isola è famosa proprio per l’acqua del mare che è scintillante, tanto da dare a questo luogo l’appellativo di “Mare di Stelle”. Uno spettacolo emozionante che rende questa piccola isola, con una popolazione di circa 500 abitanti, una location pressochè unica nel suo genere in tutto il mondo.

5. Le colonne luminose di Mosca.

In questo caso la natura centra poco, si tratta infatti di un fenomeno visivo creato dal riflesso della luce dei cristalli di ghiaccio con le superfici orizzontali vicine. La luce può provenire da diverse fonti, il sole, la luna oppure le luci artificiali, come i lampioni. Il risultato è sempre lo stesso, un raro fenomeno naturale, colonne luminose che adornano il cielo offrendo uno spettacolo a dir poco unico. Questo straordinario fenomeno si verifica in Russia, l’effetto è quindi creato dal riflesso della luce di migliaia di piccoli cristalli di ghiaccio, sospesi nell’atmosfera, o tra le nuvole. Un raro esempio di come la natura sia capace di trasformarsi in vera e propria artista.

6. Le saline riflettenti. Bolivia.

Si tratta di una location magica. Incredibili saline, dove il cielo e la terra si fondono tra loro, creando un paesaggio da sogno. Salar de Uyuni è la distesa di sale più grande al mondo, misura oltre 10.000 km quadrati. Nonostante l’apparenza non si tratta di acqua. Il terreno è coperto da uno strato di sale così riflettente da replicare il cielo che lo sovrasta. Si è formato in seguito alla trasformazione di diversi laghi preistorici ed è straordinariamente piano e costante. La variazione di altitudine tra tutte le zone di questa salina non supera il mezzo metro. Quando piove poi, la superficie si trasforma in uno specchio, così grande e riflettente che i governo lo usano per calibrare i loro satelliti.

7. Sorgente naturale di Cenote. In messico.

Una vera e propria meraviglia. Questa fonte sotterranea naturale si trova in Messico. Conosciuto con il nome di “Cenote”, si tratta di un pozzo naturale, derivante dal crollo della roccia calcarea esposta alle falde acquifere sottostanti. Di queste fonti naturali ne sono state scoperte oltre 7000, tutte dislocate nella penisola dello Yucatan. E’ stato provato che gli antichi Maya utilizzavano questi enormi pozzi naturali per le loro offerte sacrificali. Oltre a questo diventavano delle ottime fonti d’acqua in periodi di grande siccità.

8. Il temporale sporco.

Un vero e proprio lampo vulcanico, chiamato anche “temporale sporco” è un fenomeno meteorologico che si verifica quando un fulmine viene prodotto in un cono vulcanico. Uno studio ha dimostrato che le cariche elettriche si generano quando frammenti di rocce, ceneri, e particelle di ghiaccio, si scontrano tra loro all’interno di un cono vulcanico, producendo cariche statiche, esattamente come quanto le particelle di ghiaccio si scontrano tra loro nei normali temporali. Non tutti sanno infatti che le eruzioni vulcaniche rilasciano enormi quantità d’acqua che contribuisce ad alimentare questi temporali.

9. Gli alberi fantasma in Pakistan.

Questo particolare fenomeno, degno di attenzione, è l’inaspettato effetto collaterale delle inondazioni di alcune zone del Pakistan. Durante queste inondazioni, milioni di ragni si arrampicano sugli alberi per sfuggire all’acqua, avvolgendo questi alberi con le loro ragnatele. Nel Pakistan si sa, le inondazioni sono frequenti, e a causa dei lunghi tempi necessari perché l’acqua si ritiri completamente questi ragni hanno tutti il tempo di tessere le loro opere. Per questo motivo sembra proprio che molti alberi siano rinchiusi in enormi ragnatele spettrali dando vita al fenomeno degli Alberi Fantasma.

10. La foresta subacquea del lago Kaindi. Kazakistan.

Questa meravigliosa foresta sommersa si trova nel lago Kaindy, lungo oltre 400 metri, nel Kazakistan, a 130 km dalla città di Almaty. Il lago è il risultato di una enorme frana di materiale calcareo, causata dal terremoto di Kebin, nel 1911. Questo violento sisma ha distrutto più di 700 edifici, innescando una lunga e violenta frana che ha formato una enorme diga naturale. Con il passare del tempo la valle venne inondata dall’acqua piovana, somergendo gli alberi che crescevano al suo interno. Oltre alla particolarità degli alberi sommersi, questo lago è famoso per il colore blu, insolitamente luminoso.

 

 

10 Amazing Things In Nature You Won’t Believe Actually Exist

Commenta